city

Presentazione a Verona del progetto europeo “Compass4D - nuovi sistemi per la sicurezza stradale ed i trasporti intelligenti” (IT)


Verona, 4 novembre 2013 – Si è tenuta questa mattina a Palazzo Barbieri, alla presenza del Sindaco di Verona Flavio Tosi, la conferenza di presentazione del progetto europeo “Compass4D" per lo sviluppo e la sperimentazione di nuovi sistemi per la sicurezza stradale. L’evento è stato organizzato dal Comune di Verona in collaborazione con SWARCO Mizar e Telecom Italia, tre dei 33 partner del consorzio Compass4D, coordinato da ERTICO - ITS Europe. Presenti alla conferenza l’assessore alla Mobilità Enrico Corsi, il deputato al Parlamento Europeo onorevole Lorenzo Fontana, il coordinatore del progetto e project manager di ERTICO Pierpaolo Tona, il direttore di Telecom Italia Lab Sandro Dionisi, il membro Supervisory Board SWARCO Group Vito Mauro ed il direttore AUDI Italia Fabrizio Longo.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Tosi che, nel suo saluto di benvenuto, ha sottolineato “l’importanza e la particolarità del progetto a cui Verona, dall’inizio di quest’anno, partecipa insieme ad altre 6 città europee, allo scopo d’incrementare la sicurezza stradale e l’efficienza nei trasporti pubblici e di ridurre il livello di congestione del traffico urbano. Un obiettivo di straordinaria rilevanza che, con l’utilizzo di innovativi sistemi di navigazione per il trasporto intelligente, punta a migliorare non solo la qualità della nostra guida ma, in particolar modo, la sicurezza stradale di tutti i cittadini”. Il Sindaco Tosi ha poi ricordato come “la città di Verona sia da tempo impegnata a sviluppare, nel campo della sicurezza, della mobilità ed in generale nel settore dei servizi al cittadino, soluzioni avanzate in grado di portare un reale beneficio alla collettività. Infine, un particolare ringraziamento ai partners SWARCO Mizar e Telecom Italia per l’importante collaborazione nella realizzazione del progetto”.

Evidenziata dall’onorevole Lorenzo Fontana “l'importanza di un sostegno politico da parte delle istituzioni nazionali ed europee per uno sviluppo armonizzato dei servizi di mobilità in Europa. Mezzi di trasporto intelligenti ed efficienti hanno un impatto positivo sulla vita di ogni giorno dei singoli cittadini e sull'economia locale e necessitano di un supporto adeguato da parte dei governi locali e autorità pubbliche. Iniziative europee come questa sono inoltre capaci di attrarre risorse economiche di cui l'UnioneEuropea stessa è portatrice per favorire lo sviluppo e la qualità della vita dei cittadini degli Stati membri”.

Pierpaolo Tona, coordinatore del progetto e project manager di ERTICO, ha insistito sul ruolo centrale che Compass4D ha a livello europeo: “Stiamo lavorando su un progetto che rappresenta un’eccellenza in Europa; Compass4D unisce autorità pubbliche e aziende private con l’obiettivo comune di sviluppare un migliore sistema di trasporto pan-europeo”. “Con Compass4D vogliamo che i servizi di trasporto intelligenti siano alla portata di tutti i cittadini” ha concluso Tona.

Grazie al progetto Compass4D, più di 300.000 euro in finanziamenti europei verranno investiti a Verona per sviluppare i tre servizi di trasporto intelligente: avviso di semaforo rosso non rispettato (Red Light Violation Warning); avviso di pericolo sulla strada (Road Hazard Warning); efficienza energetica agli incroci (Energy Efficiency Intersection). I veicoli pilota (auto e autobus) di Verona, fra le città più avanzate in Italia dal punto di vista di sistemi cooperativi, verranno equipaggiati con dispositivi di bordo interoperabili che potranno comunicare con l'infrastruttura stradale circostante ed avvertire gli autisti di eventuali incidenti sulla strada, lavori in corso, stato dei semafori, etc. Gli stessi dispositivi potranno essere utilizzati anche nelle altre sei città pilota del progetto (Bordeaux, Copenaghen, Helmond, Newcastle, Salonicco e Vigo). Tra le innovazioni del progetto vi è anche lo sviluppo di applicazioni dedicate a tali dispositivi di bordo, destinati ad entrare nel mondo dei prodotti consumers sia per ambienti iPhone sia per ambienti Android.

Nel suo intervento Vito Mauro, membro Supervisory Board, SWARCO Group, ha puntualizzato come “i veicoli connessi ormai sono una realtà: dialogano con l’infrastruttura, con cui scambiano in tempo reale dati importanti per l’efficienza e la sicurezza del traffico. SWARCO sta investendo e crede nel mercato dei sistemi cooperativi; da anni stiamo collaborando, su questi temi, con le case automobilistiche e di particolare importanza sono i risultati ottenuti attraverso la partnership con Audi presentati oggi, dal vivo qui a Verona. Il progetto Compass4D darà un'importante impulso alla diffusione in Europa di questa nuova generazione di sistemi per il controllo del traffico”.

Per la prima volta in Europa, il sito pilota di Verona testerà l’uso della tecnologia LTE (Long Term Evolution), lanciata da Telecom Italia (altra importante azienda parte del progetto) nella città veneta proprio lo scorso maggio. LTE permette la trasmissione dati con una velocità fino a 100 Mbit/s in download e fino a 50 Mbit/s in upload, rendendo così disponibili servizi e contenuti multimediali ad alta definizione anche in mobilità.

Durante il suo intervento, Sandro Dionisi, Direttore di Telecom Italia Lab, ha inoltre aggiunto “Telecom Italia è da anni impegnata a sviluppare ricerca per soluzioni di mobilità eco-sostenibile e per la messa in esercizio del servizio di chiamata di emergenza veicolare pan-Europea (eCall), che rappresentano una soluzione innovativa di Intelligent Transport System. Oggi, grazie anche alla sempre più pervasiva diffusione dell’ultrabroadband mobile di TIM ed in particolare LTE, che vanta una bassa latenza, possiamo proporre servizi dati per una sempre più efficace mobilità intelligente ed il Progetto Pilota di Verona ne è una concreta esemplificazione”.

Al termine della conferenza stampa è stato effettuato in piazza Bra, su due autovetture Audi, un test drive di presentazione dei benefici dei servizi di trasporto cooperativo intelligente e di quanto sia innovativa la nuova rete ultrabroadband di Telecom Italia.

A seguire, al Palazzo della Gran Guardia, dalle ore 14 alle 17, si è svolto il seminario internazionale “Trasporti intelligenti per città più sostenibili” con esperti del settore.

Il progetto Compass4D è coordinato da ERTICO - ITS Europe e consiste di un consorzio di 33 aziende ed organizzazioni partner: Città di Copenaghen (Danimarca); Città di Helmond (Olanda); Città di Newcastle (Regno Unito); Comune di Verona, Regione di Macedonia Centrale (Grecia); Ministero Francese dell'ecologia, dello sviluppo sostenibile e dell'energia (MEDDE); Centre for Research and Technology Hellas (CERTH); Automotive Technological Centre of Galicia (CTAG); Equipos de Señalizacion y Control (ESYCSA); EUROTAXI; Federation Internationale de l’Automobile (FIA); GEOLOC Systems; Institute of Communication and Computer System (ICCS); IDIADA Automotive Technology; French Insititute of Science and Technology, Developments and Networks (IFSTTAR); IMTECH Traffic & INFRA B.V.; INFOTRIP; IRU Projects; Mathias Paul Ewald Traffic (MAT);,; Siemens; Swarco Mizar; Telecom Italia; TOPOS Aquitaine; TNO; University of Newcastle; Vialis; Vitrasa; Volvo Technology; V-TRON.

Per ulteriori informazioni: www.compass4d.eu.
Compass4D è co-finanziato dalla Commissione Europea nel quadro del programma CIP -Competitiveness and Innovation Programme ed è coordinato da ERTICO - ITS Europe
Segui Compass4D su Twitter @Compass4D


To page top